GPS Varese
Itinerari, percorsi, tracciati
in Provincia di Varese - Lombardia
 
MTB - Orino Cocquio Trevisago Gemonio Azzio


Stampa cartina
Orino Cocquio Trevisago Gemonio Azzio
Lunghezza 14 Km Dislivello 370 m
Pendenza max 12 % Durata 1 h 30 min
Percentuale sterrato 70 % Tratto piedi 200 m
Difficoltà
Partenza Orino Arrivo Orino
    >> Legenda

Descrizione del percorso
Vedi anche percorso Parco Regionale Campo dei Fiori e percorso piana della Valcuvia

Proposta la Variante 2 tra i boschi di Orino, Caldana eCocquio Trevisago.
La variante è riportata in arancione in Google Map ed e nel file GPX con variante 2 Orino Caldana Cocquio Trevisago.

Partenza e arrivo sono a Orino al parcheggio del Cimitero e in prossimità del campo giochi di Orino. Si risale Via San Lorenzo fino alla piazza della Chiesa del paese e si imbocca sulla sinistra in salita Via Gorizia, che diventa poi Via Marinoni, seguendo le indicazioni segnaletiche verticali del sentiero n.10 del Parco del Campo dei Fiori. Si supera una sbarra in ferro verde, seguendo sempre il sentiero n.10, poi una sbarra in legno e si arriva ad un campo sportivo con area pic-nic. Si piega a destra e costeggiando il campo sportivo si prosegue in piano sino ad incontrare, sulla sinistra, il sentiero n.17 del Parco del Campo dei Fiori che scende dalla montagna. In questo tratto si cominciano ad incontrare i segnali di vernice giallo-verdi (AV) dell’Anulare Valcuviano che ci guideranno per le frazioni di Cocquio Trevisago: Cerro e Caldana. Giunti a Caldana in prossimità del Ristorante Campo dei Fiori, situato sulla provinciale che collega Cocquio Trevisago a Orino, si imbocca sulla sinistra in discesa Via Campo dei Fiori, sempre seguendo i segnali giallo-verdi dell’Anulare Valcuviano. Dopo circa 700 m., in corrispondenza di un cancello in rete metallica verde sostenuto da due pilastri in cemento, si abbandona temporaneamente il sentiero Anulare Valcuviano per proseguire dritti in discesa su strada a tratti asfaltata, ma non sempre in buone condizioni. Allo stop si piega a destra in discesa per raggiungere, dopo circa 250 mt. in località contrada del Castellazzo, il Museo Salvini di Gemonio. Vedi: SITO
E’ riportato solo in Google Map, con colore marrone e non nel file GPX, il tratto del sentiero Anulare Valcuviano che, con attenzione, potrebbe essere percorso. Si tratta sempre di seguire i segnali di vernice giallo-verdi (AV) fino al fondovalle. Quando si incontra il torrente Viganella si svolta decisamente verso sinistra, senza guadarlo. Lo si costeggia, seguendo il senso della corrente, per poi attraversarlo più a valle con un comodo ponte che conduce alla provinciale che collega Azzio con Gemonio.
Dal Museo Salvini il percorso prosegue in Via Salvini, poi in Via Solforino e, dopo essere passati accanto allo stabile dell’azienda Usag, allo stop si svolta a destra in salita in Via Castelli percorrendo la provinciale in direzione di Azzio e Cuveglio. Dopo aver percorso circa 1200 mt. con tre ampie curve, in corrispondenza di una malconcia cappelletta, si piega a sinistra in una sterrata riprendendo il sentiero Anulare Valcuviano. Per circa 3200 mt.,tra campi, boschi e tratti a volte difficili, si seguono i segnali di vernice giallo-verdi (AV) sistemati su sassi, alberi e muretti, ignorando i sentieri laterali che comunque si prestano ad essere esplorati. Arrivati ad un nucleo di abitazioni nel fondovalle, il tratto più difficile è terminato. Dopo una sterrata pianeggiante di circa 400 mt. si transita su un ponte e piegando a destra, sempre su sterrata, si abbandona definitivamente il sentiero Anulare Valcuviano che invece prosegue a sinistra in direzione di Casalzuigno. Raggiunta la provinciale che collega Cuvio con Azzio si svolta a destra in salita e si raggiunge prima Comacchio e poi Orino per tornare al punto di partenza.
Sono riportate solo in Google Map, con colore blu e non nel file GPX, le indicazioni per i collegamenti, su strade asfaltate poco trafficate, tra i paesi di Cocquio Trevisago, Gemonio e Gavirate.
Sono evidenziati solo in Google Map, con colore rosso e non nel file GPX, i tracciati di alcuni sentieri di collegamento.

Variante 1 di 9 km. tra i boschi di Orino, Cerro, Caldana e Cocquio Trevisago.
La variante è riportata in grigio in Google Map ed e nel file GPX con variante 1 Orino Cerro Cocquio Caldana.
Lasciato Orino si seguono le indicazioni segnaletiche verticali del sentiero n.10 del Parco del Campo dei Fiori. Si supera una sbarra in ferro verde e si segue sempre il sentiero n.10. Pochi metri prima di una sbarra in legno si imbocca sulla destra un sentiero che conduce prima a Cerro e poi a Cocquio Trevisago. Si raggiunge Cocquio Trevisago in discesa superando un passaggio che richiede particolare attenzione. Si transita da Caldana e si passa nuovamente da Cerro per tornare a Caldana, in prossimità del Ristorante Campo dei Fiori, e ritornare sul percorso originale.

Variante 2 tra i boschi di Orino, Caldana e Cocquio Trevisago.
La variante è riportata in arancione in Google Map ed e nel file GPX con variante 2 Orino Caldana Cocquio Trevisago.
Lasciato Orino si seguono le indicazioni segnaletiche verticali del sentiero n.10 del Parco del Campo dei Fiori. Si arriva ad un campo sportivo con area pic-nic. Dopo circa 300 m. si abbandona il sentiero n.10 e si imbocca sulla sinistra un sentiero che, più avanti, incrocia di nuovo il sentiero n.10. Lo si abbandona nuovamente in prossimità di Caldana. Si prosegue nel bosco per raggiunge Cocquio Trevisago in discesa superando un passaggio che richiede particolare attenzione.

Per qualche informazione sulla Vacuvia si possono consultare le pubblicazioni all’indirizzo: SITO

Download
Note tecniche per l'utente

Download File GPXScarica il File GPX

Fotografie percorso


Orino

Orino

sentiero 10 a Orino

sentiero 10 a Orino

sentiero Anulare Valcuviano a Orino

sentiero Anulare Valcuviano a Caldana

Museo Salvini a Gemonio

Museo Salvini a Gemonio

Museo Salvini a Gemonio

sentiero Anulare Valcuviano a Gemonio

sentiero Anulare Valcuviiano a Gemonio

sentiero Anulare Valcuviano ad Azzio

Pagine: (1 ), 2

 

   
GPSVareseinfo@gpsvarese.it - Tel.: +39  347 0784939 - P.iva 02337130120